Deutsch
Ελληνικά
English
Español
Italiano
Logo - Services for green products
Mappa del sito 
 
  You are in: IPP > Introduzione > Strumenti  (5/6)
 [ Ricerca avanzata ]
  
 
Home
 
Concetti e Strumenti
IPP
 Introduzione
 Procedura
 Standard e Regolamenti
 Servizi e contatti
LCA
Eco-progettazione
Etichettature ecologiche certificate
Auto-dichiarazioni di prodotto
DAP
SGA
Rapporti ambientali
Benchmarking ambientale
Strumenti economici
 
Guide tecniche
AEE
Prodotti in legno
Prodotti in metallo
Arredo urbano
Ufficio
Tessile
Alberghi
 
Corsi di Formazione
Corso base di LCA
eVerdEE
 
 

Appalti Verdi
Che cosa è un Appalto Verde?

Gli acquirenti tengono conto dei problemi ambientali quando acquistano (approvvigionano) beni, servizi o attività, ad esempio scegliendo computer energeticamente efficienti, carta riciclata o energia da sorgenti di energia sostenibile.

Che cosa è un Appalto Pubblico Verde?

Quando le autorità pubbliche comprano beni, servizi o attività nel modo suddetto, con lo scopo di soddisfare le loro attività nell’interesse pubblico.

Come risponde una PMI?

Gli impatti degli Appalti Verdi si riverseranno sulle PMI. Si deve rispondere positivamente alle richieste di acquisti verdi delle industrie nella propria catena di approvvigionamenti per mantenere e incrementare la quota di mercato, per esempio usando l’eco-label, DAP ecc.. Gli effetti e i benefici, degli appalti verdi e degli altri strumenti delle IPP sulle PMI sono evidenziati nella sezione: Strumenti e benefici dell’IPP.

Antefatti

L’articolo 6 del trattato di Amsterdam, che istituì la Comunità Europea, rinforzava la necessità di integrare le richieste di protezione ambientale nelle altre politiche, riconoscendola come una chiave per migliorare lo sviluppo sostenibile. Dato che gli appalti pubblici contribuiscono con circa un 16% al PIL dell’Unione Europea, questi acquisti “verdi” potrebbero avere benefici significativi diretti sull’ambiente e contribuire in modo sostanziale allo sviluppo sostenibile.

Per un dettaglio sugli antefatti della politica vedi le informazioni sulla pagina web dell’EC Green Public Procurement. Le pietre miliari nello sviluppo della politica sugli appalti pubblici verdi includono:

  • Maggio 2001. Il Comunicato dell’EC “Un'Europa Sostenibile per un Mondo Migliore: una strategia dell’Unione Europea per uno Sviluppo Sostenibile”, per consentire agli stati membri di valutare come migliorare gli appalti pubblici favorendo prodotti e servizi ‘verdi';


  • Luglio 2001. Il Comunicato dell’EC “Il diritto comunitario degli appalti pubblici e le possibilità di integrare considerazioni di carattere ambientale negli appalti pubblici”, spiegando le possibilità offerte dal diritto comunitario in vigore, per tenere conto delle considerazioni di carattere ambientale negli appalti pubblici.
Le iniziative della Commissione sugli Appalti Verdi

La Commissione sta sviluppando un “Manuale sugli Appalti Pubblici e la Protezione dell’Ambiente”. Esso conterrà elementi di consulenza legale, esempi di “best practice”, una descrizione delle procedure per gli appalti pubblici e l’uso delle etichette ecologiche e dell'EMAS. Inoltre, questo manuale terrà conto della guida sugli appalti pubblici sostenibili sviluppata dalla Divisione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile.

Le principali azioni intraprese dalla Commissione sugli appalti verdi sono:

  • allestimento di una pagina web sugli appalti Pubblici Verdi (dove tutte le seguenti informazioni e gli strumenti sono presenti o raggiungibili mediante collegamento ipertestuale);
  • sviluppo di “un database di prodotti ambientali” che fornisce informazioni ambientali su 100 gruppi di prodotti o servizi;
  • incoraggiare le autorità pubbliche ad usare la legislazione esistente sugli appalti pubblici;
  • favorire l’uso delle Dichiarazioni Ambientali di Prodotto (DAP), eco-labels, e SGA dove appropriato;
  • diffusione di “ linee guida sugli appalti pubblici verdi attraverso l’uso dei Criteri Europei dell’Ecolabel” (Novembre 2001) per fornire informazioni ai funzionari di appalti pubblici e agli acquirenti di aziende;
  • revisionare o adottare nuove Direttive sugli appalti pubblici (es. le Direttive 2004/17/EC e 2004/18/EC pubblicate il 31 marzo 2004);
  • progetto RELIEF per analizzare i potenziali benefici ambientali degli acquisti verdi;
  • l’esame degli eco-appalti per determinare l’estensione degli appalti pubblici verdi nell’UE.
Ulteriori azioni della Commissione sono elencate di seguito:
  • diffusione di una “Guida sugli Appalti Pubblici Verdi” per le autorità contraenti (estate 2004);
  • incoraggiare gli Sati Membri su piani d’azione per gli appalti pubblici verdi (2006).
Diversi Governi degli Stati Membri stanno già sviluppato iniziative nazionali per gli appalti verdi. Un pagina di informazione con collegamenti ipertestuali sulle iniziative nazionali è stata compilata da UN Divisione per lo Sviluppo Sostenibile (vedi i link sotto).

Riferirsi a:
Comunicazione sull’IPP e Green Procurement
Fornire ai Consumatori le Informazioni necessarie a decidere
Diffusione dell’IPP negli Stati dell'Unione Europea


Pagine della Commissione Europea sul Green Procurement (in inglese)

Comunicazione Interpretativa della Commissione Europea sugli Appalti pubblici e l'Ambiente

Aspetti ambientali nel contesto degli Appalti Pubblici, applicazione dei criteri eco-label

RELIEF Programma per gli appalti ecologici (pagina web in inglese)

DB delle Nazioni Unite: politiche nazionali, programmi e linee guida
(in inglese)
Traduzioni disponibili: EL DE EN ES 
Stampa
Pubblicato:  2005-06-07
 Indietro(5/6) ListaAvanti
   
[copyright][Avviso legale][chi siamo]

    Valid CSS!